ricette

Vin Brulé – ricetta di famiglia!

Ciao, l’inverno si avvicina anche se qui a Taranto è molto mite. Con l’avvicinarsi del mese di dicembre mi è venuta in mente la nostra vecchia tradizione di famiglia: il vin brulé. Mio padre aveva una sua ricetta di famiglia ed era solito farlo sulla brace nel nostro camino. Mi ricordo le arance profumatissime del nostro albero, l’odore della cannella. Ogni volta che sento questi profumi non posso evitare di pensare a quei momenti. Ho deciso di passarti la nostra ricetta di famiglia perchè che inverno è se non c’è vin brulé? 

Il vin brulé è una bevanda calda a base di vino, zucchero e spezie aromatiche. Molto diffusa nei paesi dell’Europa del nord, è l’ideale da bere durante le serate invernali.

vin brulè e ciambella all'uvetta

 

Gli ingredienti per preparare la mia ricetta di famiglia sono:

1/2 litro di vino rosso pugliese ( campanilismo puro!),una stecca di cannella, 100g di zucchero semolato, 3 chiodi di garofano,  mezza arancia e mezzo limone bio non trattati, una grattatina di noce moscata e delle ciliegie sotto spirito.

5552956366_2555479606_o

ESECUZIONE ( per ottenere una sinfonia di profumi!)

Sbuccia la mezza arancia e il mezzo limone, avendo cura di togliere solo l’albedo (la parte arancione dell’arancia e la  gialla del limone).
Versa in un tegame di rame il vino rosso, aggiungi lo zucchero, la stecca di cannella, i chiodi di garofano e le bucce d’arancia e del limone. Mescola energicamente.

anise-2926_1280
Metti il tegame su fuoco moderato e porta ad ebollizione mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. Lascia bollire per qualche minuto. Fiammeggi la superficie per fare evaporare l’alcool, quindi togli dal fuoco e fai riposare un poco.
Versa nei bicchieri passandolo attraverso un colino, quindi servi ben caldo.

15834673209_1055b73efb_o (1)

Il suggerimento del Cavolo – Usa tazze di vetro perché il colore del vin brulè è davvero fantastico! Ho visto delle tazze in vetro adatte da Tescoma.

Che bello raccontarti di questa ricetta, mi ha fatto sentire più vicina a mio padre.

Un abbraccio e ci leggiamo al prossimo post!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Blogacavolo utilizza i cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi