Nuovi prodotti in stock: clicca su "LO SHOP", lo trovi nel menù
CASA

Consigli per una casa eco-friendly

Come avere una casa eco-friendly? Oggi vi racconterò alcune mie idee per ottenerla. Innanzitutto perchè desiderare una casa eco-friendly? Quando arrediamo la nostra casa dobbiamo creare un ambiente che ci faccia sentire a nostro agio e ci trasmetta sensazioni positive, ma sia anche salubre e rispetti il pianeta in cui viviamo. Scegliamo i mobili generalmente in relazione al loro prezzo, per la bellezza e la praticità, ma dovremmo soffermarci di più sui materiali utilizzati e sulle tecniche di lavorazione.

 

Conoscere, informarsi ed essere più consapevoli dei gli elementi che decidiamo di inserire nella nostra casa, significa fare delle scelte sostenibili e contribuire alla tutela del nostro pianeta. Questo non vuol dire però rinunciare allo stile o sacrificare il proprio gusto personale. Molti designer e aziende, anche a livello italiano, si stanno avvicinando all’ecodesign, realizzando prodotti accattivanti ma sempre eco-friendly.

Questo deve essere valido per tutto il loro ciclo di vita. Per questo bisogna chiedersi quanta energia sia utilizzata per un prodotto, per estrarre o recuperare le materie prime che li compongono e per la loro lavorazione.

Quest’ultima deve essere effettuata con tecnologie a basso impatto ambientale, a produzione di Co2 limitata e con un consumo energetico ridotto.

Un’idea per ridurre lo spreco di energie rinnovabili in casa, può essere l’utilizzo di pannelli solari, che ormai hanno prezzi di mercato molto più accessibili e sono pensati per essere praticamente invisibili e totalmente integrabili al tetto.

Le materie prime per i mobili devono essere riciclabili al 100%. Per questo non è ammesso l’impiego di alluminio, mentre possono essere utilizzati legno, bamboo, rattan, lino, cotone, plastica riciclata, carta e acciaio puro.

 

Gli arredi devono essere, inoltre, smontabili e i vari materiali separabili, in modo da favorirne il riciclo.

Occorre fare attenzione anche all’impiego di colle, vernici e prodotti per le rifiniture che contengono sostanze tossiche come la formaldeide.

Come distinguere questi mobili? In Italia l’Associazione Nazionale Architettura Bioecologica   ha creato uno standard specifico, che vuole assicurare al consumatore di avere mobili che riducano la presenza di sostanze pericolose per la salute e per l’ambiente.

 

Infine, il consiglio è quello di scegliere prodotti a km0 anche per sostenere l’artigianato e le aziende italiane, considerato un’eccellenza nel mondo e ridurre anche l’impatto ambientale dei trasporti.

Qualche esempio? 

L’azienda SoloWood realizza arredi rivestiti in malta ecologica con finiture in legno naturale, utilizzando materiali ecocompatibili e unici nel loro genere.

 

Per i bambini, invece, l’azienda Flowerssori parte da un progetto in cui tutto l’ambiente che circonda il bambino debba essere concepito per lui, senza trascurarne la bellezza. Parte proprio dall’utilizzo di materiali naturali, con colle a bassissimo contenuto di formaldeide e seguendo il ritmo della natura per tagliare il legno.

 

Con queste indicazioni potrete effettuare una scelta davvero eco-friendly e contribuire alla tutela del nostro pianeta. L’idea in più può essere l’installazione di un impianto fotovoltaico, per autoprodurre in maniera naturale la maggior parte dell’energia che serve alla casa.

 

A breve troverai qui tutte le mie creazioni! Nel frattempo clicca su LO SHOP Rimuovi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Blogacavolo utilizza i cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi