lifestyle

Addio Zaha Hadid!

Ciao, oggi il mondo piange Zaha Hadid, geniale archistar (suo ad esempio il Maxxi di  Roma). Si è improvvisamente spenta a Miami per una crisi cardiaca. L’architetto britannico, famosa in tutto il mondo, lascia un immenso vuoto. Zaha Hadid è stata la prima donna a ricevere i tre principali riconoscimenti del mondo dell’architettura, citata tra le 100 persone più influenti del modo dal Times. 

Io la vidi a Roma anni fa e di lei riserbo uno strano ricordo: mi sembrò un insetto curioso e scintillante, una sorta di scarabeo reale. Non so perchè l’associai a quel meraviglioso insetto, sarà stata influenzata dalle sue opere architettoniche così simili ad leggiadri insetti posati sui paesaggi urbani. A Zaha Hadid si devono strutture:

Il centro culturale che ha disegnato per Baku

Zaha-Hadid-Heydar-Aliyev-Center-foto-Iwan-Baan-1

Il Riverside Museum di Glasgow

Oltre all’architettura, l’architetto Hadid ha creato anche complementi d’arredo. Ad esempio Flow, una collezione di stupendi vasi indoor ed outdoor per Serralunga.

I vasi grandi da giardino Flow si fanno notare per la loro altezza, per le loro forme sinuose ed eleganti. Sono vasi sempre in continuo mutamento: a seconda dell’angolazione da cui li si guardano assumono forme diverse. Meravigliosi visti dal vivo!

Ha creato Scultorei Vasi insieme a Gareth Neal. 

hadid 3

Amata e odiata dal mondo dell’architettura, io credo che il mondo pianga sopratutto ciò che di più spettacolare avrebbe potuto creare. E non mi pare poco, indipendentemente dal mio gusto personale.

Addio  Zaha Hadid, piccolo grande scarabeo visionario dell’architettura contemporanea.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Blogacavolo utilizza i cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi