casaispirazioni

6 suggerimenti per una casa a misura di animali

L’Italia è seconda in Europa per animali domestici, con una presenza nel 52% delle abitazioni italianeGli animali fanno ormai parte della famiglia. Ho dedicato vari post all’argomento animali in casa, perchè sono a favore di una convivenza che rispetti ognuno dei componenti della famiglia ( ad esempio qui ed anche qui ).

Oggi vi svelerò i miei 6 trucchi che adotterò nella nuova casa. Pucci si merita una casa organizzata, accogliente e sicura…proprio come noi.

Foto Pixabay

#1 La sicurezza prima di tutto: attenzione alle piante

Se un modo semplice ed economico per arredare è quello di inserire piante e fiori. Niente arreda meglio di un vaso con una piantina. Detto questo, per i proprietari di animali domestici non tutte le piante sono uguali. Soprattutto per i gatti: molte piante da interno sono spesso velenose! Quindi, fai le tue ricerche prima di acquistare una pianta per la tua casa!

Ho cercato on line e sul sito di DogWelcome cè un elenco delle piante tossiche per cani e gatti.

#2 attenzione agli oggetti fragili!

Una casa attenta agli animali domestici è abbastanza simile ad una pensata per i bambini. Niente deve essere alla loro altezza! Se si ha un cane occorre tenere tutto lontano dall’altezza della coda. Quindi su tutte le superfici basse andranno banditi oggetti vari. Diverso è avere un gatto: per mia esperienza posso consiglire di considerare “cosa” mettere sui mobili e mensole. Il dove è ininfluente: il  gatto è un curiosone e sicuramente troverà il modo per arraffare l’oggetto del desiderio. Il segreto è osservare i nostri animali, capire da cosa sono attratti.

#3 scegli tappeti economici!

 I tappeti sono un ottimo modo per portare la morbidezza e il tocco decorativo giusto per il tuo ambiente. Ma per le case con animali domestici la cosa si complica.Quindi il mio consiglio è di optare per tappeti a prezzi accessibili. Non investirei mai tanti soldi in un tappeto che potrebbe rovinarsi in poco tempo a causa di pipì o altro.  Meglio investire un po ‘meno soldi su tappeto di media qualità che, una volta rovinato, non mi faccia desistere dal sostituirlo solo perchè “l’ho pagato un sacco”.  Detto questo, credo che i tappeti a pelo corto siano i migliori soprattutto se ci sono gatti o cani che potrebbero  tirare i fili.

#4 occhio attento quando sceglierò il divano!

La scelta del divano occuperà molto del budget destinato all’arredo della nuova casa. Il mio mandra, ogni volta che sono stata in un negozio, è stato: Scegli saggiamente il tessuto del divano! La prima cosa sarà assicurarmi che il tessuto sia resistente alle macchie, che il rivestimento sia dotato di una garanzia per animali domestici.  Il mio consiglio è quello di non fermarsi al primo rivenditore, di porre domande. Arrivare preparati è importante: fare ricerche online prima di andare a fare shopping è un mio rito. Un sonoro NO ai tessuti delicati, come la lana o il lino o ipiù ruvidi: il gatto li troverebbe ancora più divertenti da graffiare! 

La microfibra è resistente e facile da pulire, non avendo maglie di trama  subirà meno danni da unghie. Per smacchiarlo sono sufficienti  un po’ d’acqua insaponata ed uno straccio.

#5 destinare un piccolo budget al suo arredo

Si, il nostro gatto fa parte della famiglia quindi ho deciso di destinare un piccolo budget per l’acquisto di una piccola cuccia ed altri oggetti. Il tutto dovrà essere sicuro e possibilmente abbinato al resto dell’arredo. Qui ho parlato di una collezione dedicata interamente agli animali.

 

#6 ho scelto un pavimento resistente

Optare per pavimenti duri è la soluzione ideale: se c’è una cosa su cui si può contare con gli animali domestici è che con  loro arriva un sacco di casino.

Che sia un gatto o un cane, o anche un uccello o un piccolo roditore o un coniglio, una cosa è certa: quando si tratterà di pulire il disordine, è molto più facile pulire e lavare una superficie dura piuttosto che aspirare o pulire una superficie delicata ( ad esempio il marmo ).

La pavimentazione dura è molto più facile da pulire. Fidatevi di me, qui a villa Ester ho un marmo e le macchie di pipì di Pucci sono ancora lì visibili in controluce. Se siete indecisi sul pavimento da scegliere, ho scritto qui una guida basata sulla mia esperienza. In ogni caso, dotatevi di un vaporetto perchè l’igiene viene prima di tutto. Io in casa uso Moppy.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Blogacavolo utilizza i cookie per fornirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi